POSTURALE

POSTURALE

Fisiokinesiterapia • Rieducazione motoria •  Rieducazione respiratoria • Rieducazione neurologica • Terapia Manuale • Bendaggio funzionale • Controllo motorio (stabilizer, propriocettiva) • Riabilitazione del pavimento pelvico • Attività di prevenzione dell'infortunio

La Rieducazione posturale Mézières

La Rieducazione Posturale Mézières (RPM) ha le sue origini in Francia quando la Sig.ra Françoise Mézières gettò le basi per un nuovo metodo rieducativo che parte da un'attenta osservazione del comportamento del corpo umano.

Stabilì una precisa connessione tra quella che lei stessa definì STRUTTURA fisica e FUNZIONE, intesa come ragione d’esistenza di un particolare distretto del corpo: ad esempio, la gabbia toracica come struttura e la respirazione come funzione della struttura.

Si intuisce come lo stato di salute provenga quindi da un equilibrio tra struttura e funzione e viceversa.

Riprendendo l'esempio precedente: se ho una gabbia toracica troppo rigida la respirazione risulterà limitata e compromessa, ma anche una respirazione alterata da fattori polmonari (es.: enfisema, asma, ecc.) può alterare la struttura della gabbia toracica. Lo stesso discorso vale per ogni altro distretto del corpo.

E' bene però tenere presente che l'essere umano ha una grande capacità di adattamento e compensazione in relazione al suo ambiente ed alla sua logica costituzionale.

Lo stato di malattia, o non salute, sopravviene quando le possibilità compensatrici non possono più assicurare un buon equilibrio tra struttura-funzione e funzione-struttura.

Ed è qui che interviene l’approccio mezierista: questo strumento punta a normalizzare prima di tutto la struttura di un corpo, sapendo che è essenzialmente tramite un gioco di retrazioni, accorciamenti muscolari, che si manifestano le alterazioni strutturali o dismorfismi (es.: scoliosi, cifosi, iperlordosi, dorso piatto, ginocchio varo o valgo, ecc.). Ne consegue che se la forma di un corpo è alterata, la funzione che ne deriva è falsata, disturbata.

 IL METODO

La prima fase di un trattamento di Rieducazione posturale Mézières consiste, come già accennato, nel normalizzare la forma modellando ed allungando dei gruppi muscolari retratti, ma questo non è sufficiente per ottenere una correzione cosciente e duratura.

Un apporto indispensabile viene dalla seconda fase del trattamento di Rieducazione posturale Mézières: la rieducazione propriocettiva.

L'utilità di integrare la propriocezione (intesa come la coscienza della percezione del corpo nello spazio e delle parti del corpo nei confronti di se stesso) nel lavoro strutturale è per ottenere un vero cambiamento degli schemi alterati del corpo, il tutto per non avere recidive: 

E' necessario prendere coscienza dello schema falsato, doloroso, anti-economico, per poi integrare coscientemente lo schema corretto e sfruttarlo nella gestualità quotidiana; la rieducazione curativa diventerà un'educazione preventiva”

Il compito di tale trattamento è quello di riarmonizzare, riformare, riprogrammare, rieducare; nella ricerca di un ottima omeostasi, è indirizzato al trattamento di tutte le patologie biomeccaniche, comprese le scoliosi e le problematiche dell'età evolutiva ed adulta.

COSA FACCIAMO NOI:

  • RIALLINEAMENTO MUSCOLO-SCHELETRICO POSTURALE
  • RIEDUCAZIONE POSTURALE PROPRIOCETTIVA
  • ALLUNGAMENTO DELLE CATENE MUSCOLARI
  • ELIMINAZIONE DEI VIZI E COMPENSI CHE IL CORPO HA ASSUNTO NEL TEMPO
  • ERGONOMIA DELLO STILE DI VITA
  • RIEQUILIBRIO DEL TONO MUSCOLARE E DELLE TENSIONI ARTICOLARI E FASCIALI
  • MIGLIORAMENTO DEL METABOLISMO IN GENERALI
  • MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE SANGUINEA
  • REGOLARIZZAZIONE DELLA PRESSIONE SANGUINEA
  • MIGLIORAMENTO DELLE FUNZIONI DELL'APPARATO DIGERENTE
  • MIGLIORAMENTO DELLA RESPIRAZIONE
  • MIGLIORAMENTO DELLA RESISTENZA MUSCOLARE E GENERALE
  • RIPRISTINO DEL CONTROLLO NEUROVEGETATIVO E DEL CORRETTO CICLO SONNO/VEGLIA
  • RIABILITAZIONE POST TRAUMA SPORTIVA E NON 

INDICAZIONI

La Rieducazione Posturale Mézières è indicata:

  • In tutti i casi di dismorfismo: scoliosi, cifosi, iperlordosi, dorso piatto, ginocchio varo o valgo ecc.
  • Dolori articolari e/o muscolari
  • Alterazioni funzionali
  • Alterazioni di coscienza dello schema corporeo